Aston Martin Rapide, elegante leggiadria

/, DESIGN STORY/Aston Martin Rapide, elegante leggiadria

L’ordine di Ulrich Bez, presidente e amministratore delegato della Aston Martin, per lo sviluppo della Rapide, era chiaro: produrre la più bella quattro porte sul mercato. «Eleganza e bellezza – spiega Marek Reichman, direttore del design del marchio – erano le due comete da seguire».

Come “opera prima” la Rapide non era cosa da poco: chiamato d’urgenza nel giugno scorso per prendere il posto di direttore del design Aston Martin lasciato vacante da Henrik Fisker, Reichman è riuscito in poco più di sei mesi a completare questo prototipo funzionante che secondo alcuni potrebbe anche essere la risposta anticipata al progetto della Porsche a quattro porte annunciato per il 2008.

[imageframe lightbox=”no” lightbox_image=”” style_type=”none” hover_type=”none” bordercolor=”” bordersize=”0px” borderradius=”0″ stylecolor=”” align=”none” link=”” linktarget=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″ hide_on_mobile=”no” class=”” id=””] [/imageframe][imageframe lightbox=”no” lightbox_image=”” style_type=”none” hover_type=”none” bordercolor=”” bordersize=”0px” borderradius=”0″ stylecolor=”” align=”none” link=”” linktarget=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=”0.1″ hide_on_mobile=”no” class=”” id=””] [/imageframe]

«In termini di eleganza – afferma Ulrich Bez – la Rapide aggiunge valore all’indiscusso stile della DB9. Le nostre vetture devono apparire belle da ogni angolatura e questa quattro porte è molto equilibrata». E’ lunga esattamente 5 metri (21 centimetri più della DB9), larga 1,89 e alta 1,33 m. Le curve morbide della fiancata si alzano prepotentemente nel passaruota posteriore, mentre il tetto rimane basso e si sfila con delicatezza nella coda. Un tetto che è, detto per inciso, la dimostrazione di quanta attenzione sia stata data ai materiali e ai particolari. «E’ luminoso – dice Reichman – e sembra quasi di trovarsi su un aliante». Ma basta azionare un pulsante e i cristalli liquidi che contiene fanno il resto, trasformandolo in una superficie opaca. Ci sono particolari come la pelle dei sedili, stampata per darle uno speciale effetto e cucita in modo iperevidente, per un tocco sportivo. I clienti Aston Martin sono un po’ particolari, e non a caso in questo momento Reichman sta lavorando proprio alla DBS, l’auto che sarà pronta ad aprile, per il nuovo film di James Bond “Casino Royale”.

L’articolo continua su Auto & Design n. 157

[images picture_size=”fixed” hover_type=”none” autoplay=”no” columns=”5″ column_spacing=”13″ scroll_items=”” show_nav=”yes” mouse_scroll=”no” border=”yes” lightbox=”yes” class=”” id=””][image link=”” linktarget=”_self” image=”http://autodesignmagazine.com/wp-content/uploads/2015/12/1904200601_Aston_Martin_Rapde-300×136.jpg” alt=””][image link=”” linktarget=”_self” image=”http://autodesignmagazine.com/wp-content/uploads/2015/12/1904200602_Aston_Martin_Rapide-300×105.jpg” alt=””][/images]
By | 2015-12-02T16:47:37+00:00 19 aprile 2006|ARCHIVIO, DESIGN STORY|
Chiudi
Il tuo A&D

COPIA DIGITALE

n. 232
Settembre/Ottobre 2018

Il numero corrente della rivista in formato digitale

Acquista online

ABBONAMENTO

SCONTO 30%

Offerta riservata ai nuovi abbonati per l’acquisto di un abbonamento annuale

Abbonati subito