La Lotus Emira è la nuova sportiva a motore centrale del marchio di sportive inglese. Secondo quanto dichiarato, la Emira presenta tutte le caratteristiche che il mondo automobilistico si aspetta da una Lotus: design sorprendente, prestazioni dinamiche entusiasmanti che offrono guida e maneggevolezza, aerodinamica e un’esperienza di guida di alto livello. Una sorta di ritorno al futuro nell’attesa della completa elettrificazione del marchio nei prossimi anni.

Basandosi sull’eredità di modelli come Elise, Exige ed Evora, Emira pone in essere un salto di qualità per Lotus per quanto concerne lo stile e la qualità del progetto. Quelle firme e valori fondamentali del marchio immediatamente riconoscibili sono stati combinati con un cambio di paradigma nei livelli di praticità, comfort, funzionalità e tecnologia. L’Emira è stata sviluppata su un nuovo telaio leggero in alluminio. L’innovativa architettura del veicolo è avvolta da un design audace e scolpito che utilizza spunti chiaramente sviluppati da Evija. Le dimensioni chiave dell’Emira sono la lunghezza di 4.412 mm; larghezza 1.895 mm; altezza 1.225mm; e passo 2.575 mm.

L’Emira è la prima vettura sportiva con motore termico Lotus a inaugurare il nuovo linguaggio di design mostrato per la prima volta sulla hypercar Evija. È un look contemporaneo con superfici scolpite e dettagli tecnici, che offre un fascino esotico da supercar nel segmento delle auto sportive. Un approccio nuovo e più premium per Lotus in termini di forme e materiali, è anche un balzo in avanti in forma e finitura. Guidato da Russell Carr, Lotus Design Director, il team creativo è riuscito a progettare linee eleganti e forme che sembrano scolpite dal vento e moderne al tempo stesso.

«L’Emira cattura il dramma visivo di una supercar esotica, con grandi proporzioni, un ampia impronta a terra e un abitacolo che si trova in basso tra i fianchi muscolosi», ha detto Russell Carr. I fari verticali a Led sono di serie su tutta la gamma, con un design a doppia lama ispirato alle ali dei volatili. Nella parte posteriore, il marchio Lotus domina il paraurti, sopra un pannello in tinta con la carrozzeria che è chiaramente ispirato alla parte posteriore della Evija. Ad ogni estremità c’è una presa d’aria per l’aria dal passaruota. Gli interni sono stati costruiti intorno al guidatore, grazie a un design ergonomico puro e strumenti posizionati per l’uso più intuitivo. L’Emira segue alla lettera questi principi per creare un moderno ambiente di guida con i comandi essenziali a portata di mano evitando la minima distrazione. I due sedili sono stati progettati per combinare un supporto laterale eccezionale per le curve ad alta velocità con il comfort totale per i viaggi a lunga distanza.